Lotti Antonio
(Venezia, 1667 – Venezia, 5 gennaio 1740)

Studiò musica con Giovanni Legrenzi nel 1689 entrò come controtenore a far parte della cappella di S. Marco, dove rimase per tutta la vita: dal 1704 come primo organista e dal 1736 come maestro di cappella . Dal 1717 al 1719 visse tuttavia alla corte di Dresda, dove conobbe musicisti come Bach e Händel; qui fu a capo di una sua compagnia d’opera italiana, della quale faceva parte anche la moglie Santa Stella, una famosa cantante. Tornato a Venezia, si dedicò quasi esclusivamente alla composizione di musica sacra (celebre il suo Miserere a quattro voci, del 1733) e all’insegnamento; alla sua scuola si formarono molti importanti musicisti veneziani, tra cui Benedetto Marcello e Baldassarre Galuppi. Oltre a numerosi lavori teatrali di impatto squisitamente barocco che gli assicurarono una notevole fama europea, Lotti compose oratori e altra musica vocale, sacra e profana.