Haydn Franz Joseph
(Rohrau, 31 marzo 1732 – Vienna, 31 maggio 1809)

Compositore austriaco. Iniziò lo studio della musica sotto la guida del cugino J.M. Franck; a sei anni conosceva già molti degli strumenti che si usavano in orchestra; a otto anni si trasferì a Vienna, essendo stato prescelto da G. Reutter quale ragazzo cantore della cappella di S. Stefano. Quì proseguì gli studi di canto, violino, clavicembalo e di composizione, raggiungendo un tale grado di maestria che quando fu dimesso dal coro, dopo la muta della voce, era già in grado di esercitare la professione di musicista. Ogni tipo di attività, in ambito musicale, gli era consona: dava lezioni di clavicembalo, suonava il violino in orchestra, scriveva facili composizioni, accompagnava strumentisti e cantanti. Proseguiva intanto gli studi di composizione come allievo, per qualche tempo, anche di N. Porpora. Nel 1759 fu nominato direttore e compositore della cappella del conte F.M. Morzin e nel 1761 passò alla casa Esterházy, prima al servizio del principe Paul Anton e poi del fratello Nicolaus, il quale nella sua residenza di Esterház, conduceva una vita sfarzosa e dove alla musica veniva dato un posto pr edominante. Attraverso la diffusione data dalla stampa alle sue composizioni Haydn divenne presto celebre in tutta Europa. A Vienna fu a contatto con Mozart ed ebbe come allievi, fra gli altri, I. Pleyel e, per poco tempo, Beethoven.
Nel 1790, morto il principe Nicolaus, il figlio Paul Anton sciolse l’orchestra, assegnando una pensione ad Haydn. Questi accettò allora un invito dell’impresario J.P. Salomon e si recò a Londra per far conoscere e dirigere di persona un gruppo di sinfonie composte per l’occasione.
Accolto trionfalmente, ricevette a Oxford la laurea ad honorem e scoprì gli oratori di Händel. Da ciò nacque l'ispirazione che, dopo il ritorno a Vienna, lo condurrà alla stesura dei suoi due grandi oratori: La Creazione (1798) e Le stagioni (1801).
Haydn tornò a Londra nel 1794 e vi restò sino al 1795 poi, in patria, gli fu affidata la direzione della ricostruita cappella degli Esterházy.
Morì a Vienna all’età di settantasette anni, colmo di onori. La sua salma riposa in una tomba isolata nel cimitero della sua chiesa parrocchiale, presso la cosiddetta Hundsturmer Linie a Vienna.


Nel 1760, con la sicurezza che gli derivava da un lavoro fisso, Haydn si sposò con Maria Anna Theresia Keller.
Nel 1781, Haydn strinse amicizia con Wolfgang Amadeus Mozart. Quest'ultimo, ancora giovane, era stato molto influenzato dal collega più anziano, e gli dedicò una serie di quartetti d'archi, pratica molto insolita in un'epoca in cui i dedicatari erano solitamente aristocratici. Si possono ricercare anche radici massoniche nell'amicizia fra i due musicisti, che erano infatti membri della stessa loggia.